.
Annunci online

Fare politica in Campania
I parlamentari da bocciare e quelli da promuovere
post pubblicato in Diario, il 12 febbraio 2008


Visto che le primarie sono saltate, ci si può sbizzarrire sui vari siti per dare qualche parere su possibili candidati o su parlamentari uscenti.
Interessante il sondaggio di Repubblica che sulla pagina di Napoli propone di segnalare i dieci parlamentari eletti in Campania che non meritano di essere ricandidati.
Divertitevi tutti ci sono tanti bei nomi: da Mastella a Cirino Pomicino, da Berlusconi a Vito (mister centomila), e poi De Mita, Del Mese, De Gregorio (il primo transfuga del centrosinistra).
Ma ci sono anche la moglie di Bassolino e il fratello di Pecoraro Scanio.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi mastella de mita

permalink | inviato da gianni65 il 12/2/2008 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Prodi caduto per mano di Veltroni?
post pubblicato in Diario, il 25 gennaio 2008


Non si può negare che Veltroni si sia comportato in maniera molto simile a quanto aveva fatto D'Alema due legislature fa.
Il flirt tra Veltroni e Berlusconi nel tentativo di chiudere un accordo sulla legge elettorale non può non far venire in mente la Commissione Bicamerale di D'Alema.
Ora come allora qualcuno parla di Veltroni (D'Alema) al posto di Prodi.
La differenza sta però nei fatti.
All'epoca di "baffino" ad uscire dalla coalizione era l'estrema sinistra di Bertinotti, per cui fu un gioco da ragazzi recuperare Mastella da destra.
Oggi l'operazione si presenta più difficile perché il fuoriuscito stavolta è proprio Mastella insieme a Dini e Fisichella.
Relativamente al primo, l'obiettivo dovrà essere quello di dimostrare che, nei fatti, la sua collocazione deve essere inquadrata un po' più a destra di qualche frangia centrista.
L'operazione potrebbe essere condotta proprio dal secondo (Dini), che potrebbe diventare il garante per qualche UDC o anche per qualche forzista o leghista nostalgico della poltrona (che potrebbe non essergli assicurata in caso di nuove elezioni dovendo il Berlusca fare spazio a Mastella). Se proprio Dini non dovesse riuscirci si può sempre ricorrere a Follini (è impensabile che possa restare per sempre isolato nel PD).
Quanto a Fisichella la prima tentazione è quella di pensare che abbia avuto un vuoto di memoria e abbia pensato di essere ancora uno di AN, ma molto più probabilmente la sua posizione dipende da qualche problema che il Governo ha avuto ed ancora ha con la Chiesa.

Il fatto simpatico che anche sul web qualcosa si muove.
Beppe Grillo si prepara a promuovere le "sue" liste, ma anche il democratico Mario Adinolfi si augura un Governo di Marini, dove chissà magari avere un posto da sottosegretario.

E le persone normali?
Continuano a pensare che anche il prossimo Parlamento sarà pieno di inquisiti e condannati. Che dovranno vivere ancora per molto tra i rifiuti. Che la sanità non abbia fatto niente per meritarsi primari competenti. Che i giudici forse debbano "convincersi" a fermarsi davanti alla politica. Che le promesse di una maggiore attenzione ai salari bassi non saranno mai mantenute.

E allora?
Io voglio un Governo guidato da Prodi (uno dei pochi che ha mostrato coerenza) con pochi Ministri competenti e seri. Forza Veltroni, forza Marini fate un passo indietro è aiutate il professore.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Prodi Veltroni Mastella Dini Fisichella Marini

permalink | inviato da gianni65 il 25/1/2008 alle 11:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Fiducia nei ministri!
post pubblicato in Diario, il 21 gennaio 2008


    Sul sito di Repubblica vengono evidenziati alcuni dati relativi al livello di fiducia su Governo, Partiti e Ministri dopo il ciclone Mastella.
Nonostante abbiano perso qualche punto percentuale, i Ministri che raccolgono il maggior consenso risultano essere Pierluigi Bersani (58%) e Antonio Di Pietro (54%).
Mi piace pensare che questa scelta derivi dal fatto che il primo è stato, fino ad oggi, l'unico che ha avuto il coraggio di provare a scalfire gli interessi di alcuni poteri forti.
Il secondo è l'unico che ha avuto veramente il coraggio, in questi giorni, di opporsi all'autoreferenzialità, ai falsi moralismi e agli interventi di autotutela della "casta".

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Mastella Bersani Di Pietro

permalink | inviato da gianni65 il 21/1/2008 alle 22:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        marzo
calendario
adv